La pesca in apnea al sarago

Condividi il post se ti e' piaciuto

La pesca in apnea al sarago, pesce tra i più ambiti e pescati della pescasub

Il sarago è uno dei pesci più ricercati e catturati dai pescatori in apnea. Pregiato ma anche numericamente ben presente nei mari d’Italia, il sarago maggiore (Diplodus sargus) è una delle mire di chi pratica pesca in apnea. Per via della sua presenza in vari tratti di mare può portarci a compiere un mix di tecniche di pescasub, mix che prende abitualmente il nome di pesca al razzolo.

Saraghi in pescasub al razzolo

Mettiamoci nei panni, anzi “nelle pinne”, di un pescasub razzolatore. Possiamo immaginare le fasi di cattura di un sarago che è la preda più frequente nei carnieri del pescatore medio; ci troviamo su un fondale di circa otto metri caratterizzato da grossi massi, tipico di una “franata”, e che digrada su una prateria di posidonia. Siamo in superficie che ventiliamo pronti per immergerci con l’intento di praticare un aspetto alla base della franata. Giunti sul fondo ci si apposta e si attende, passano i secondi ma nulla si avvicina; ecco poi che all’improvviso notiamo la specchiata di un pesce intento a cibarsi tra i massi poco lontani da noi, qui il nostro istinto ci spingerà ad adottare la tecnica dell’agguato per poter sorprendere il malcapitato e metterlo a carniere ma il nostro avvicinamento lento e sinuoso tra i massi non è andato a buon fine: il pesce, che si è accorto di noi, con un guizzo si intana in uno spacco. Non demordiamo e avanzando verso la tana col fucile puntato in direzione di essa ci prepariamo ad un colpo fulmineo e preciso, il tutto termina a discapito del grosso sarago che finisce nell’asta del nostro fucile. Tutta questa azione nella maggior parte dei casi si conclude in poco meno di un minuto ed è un classico esempio di combinazione di tecniche effettuate in un singolo tuffo. Concludendo, l’esito di una buona cattura pescando al razzolo è dettato dal nostro adattamento alle varie situazioni che potrebbero presentarsi, e anche a un’adeguata concentrazione che dovrà protrarsi per l’intera battuta di pesca; in mancanza di tali requisiti potrà svanire l’opportunità di catturare la preda della vita che ogni pescatore sogna, non un sarago, ma magari un dentice oversized o una bellissima ricciola. Buon mare a tutti.

Sarago maggiore: preda comune nella pesca in apnea (spearfishing) in Mediterraneo.
Sarago maggiore: preda comune nella pesca in apnea (spearfishing) in Mediterraneo.

La pesca in apnea al sarago: pescasub al razzolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *